…. Agire sulle Motivazioni individuali …… il “ punto chiave “ per forzare un profondo cambiamento nella Sanità Pubblica ….

Non credo nei luoghi comuni ed alle ottuse generalizzazioni ! ; sono convinto che non esistano persone, razze, etnie o popolazioni “ geneticamente positive “ ed altre, al contrario, “ assolutamente negative”, …….. come i poli opposti di una batteria elettrica !

Credo, al contrario, che, l’ ESEMPIO … la SITUAZIONE AMBIENTALE … .e, soprattutto, le MOTIVAZIONI INDIVIDUALI possano condizionare significativamente il COMPORTAMENTO delle persone.

A tale proposito mi viene in mente una storia che risale alla mia esperienza in Alto Adige di quasi 10 anni fa ….

Faceva parte della nostra equipe chirurgica dell’ epoca un collega germanico che aveva atteggiamenti sul lavoro che non corrispondevano esattamente allo stereotipo di chi proviene dal nord Europa !. Anzi, se non fosse stata certa la sua nazionalità ! ……. qualcuno avrebbe potuto pensare, osservandone i comportamenti, che fosse originario del nostro meridione !. Io avevo con lui frequenti discussioni sul lavoro e lo prendevo spesso in giro per questi suoi “ atteggiamenti mediterranei “ !

Dopo molto tempo passato al nord avevo avuto finalmente la possibilità di trasferirmi in un ospedale di Roma ed era arrivato il mio “ultimo giorno” di lavoro ! Contavo di partire il pomeriggio, appena uscito dall’ ospedale, ed avevo, fin dalla mattina, la macchina carica di bagagli ! …. Improvvisamente però, mentre già ero con la testa al casello di Bolzano sud, veniva trasferito direttamente dal pronto soccorso in sala operatoria un paziente che necessitava di un intervento chirurgico di emergenza .…. il primario si precipitava in sala operatoria e richiedeva, senza pensarci due volte, la mia presenza. Sulla sala operatoria adiacente era ancora in corso la seduta chirurgica di elezione e l’ operatore era il mio collega tedesco. Verso il tardo pomeriggio, quando l’ intervento d’ urgenza stava terminando, ….. si affacciava da noi, ancora vestiti al tavolo operatorio, il collega che operava nella sala accanto …… spiegava in maniera concitata di avere un problema di emorragia … ! Il primario provava a dargli indicazioni sul da farsi … ma lui non se la sentiva di proseguire da solo …. ! Sono già quasi le 19,00. … il mio rientro a Roma è sempre più lontano …. ma mi devo spostare sull’ altra sala per dare una mano …. dopo alcune ore riusciamo a venirne fuori ….

E’ notte fonda quando esco dall’ ospedale per il mio “ ultimo giorno di lavoro ! “…. sono stanco … mi chiedo perché tutto questo doveva accadere proprio quell’ “ ultima notte “ all’ ospedale di Bolzano …. scendo le scale per arrivare al parcheggio … Mi ricordo la temperatura sotto zero, l’ aria gelida, la macchina piena di bagagli col parabrezza ghiacciato ….. decido, dopo averci pensato qualche minuto, che non è il caso di partire per Roma quella notte stessa !

Il giorno dopo rientro a Roma …. e comincia la mia nuova vita … ! Dopo qualche giorno ricevo una telefonata … è il mio collega di Bolzano …. mi informa che il nostro paziente sta bene … sto per salutarlo ringraziandolo, quando lui aggiunge, in un italiano imperfetto ma chiaro, delle parole per me del tutto inaspettate … “ Francesco ti ringrazio di avermi aiutato …. anche se ci sono stati problemi fra noi … sei stato un collega corretto ed un esempio per tutti in questi anni …. ti ringrazio di nuovo … “ . Rimango molto sorpreso per quella dimostrazione di stima da chi avevo considerato fino a quel momento tanto lontano dalla mia mentalità, impermeabile a qualsiasi esempio positivo, a qualsiasi cambiamento ….. capisco di essermi sbagliato profondamente su di lui e di essere stato superficiale nel giudicalo !! ….

Di tanti complimenti, molto spesso ipocriti e interessati, che ho ricevuto negli anni, quello del collega germanico è uno dei pochi che ricordo con soddisfazione e che mi ha insegnato qualcosa !

Forse, se non fosse successo quello che è successo quell’ ultimo “ incredibile “ giorno di lavoro, non avrei capito che ciascuno di noi, anche chi sembra apparentemente abulico ed impermeabile al cambiamento, recepisce dai nostri comportamenti molto più di quanto noi possiamo immaginare e, se posto di fronte ad esempi positivi, a giuste motivazioni,….. se coinvolto intimamente nei progetti può contribuire in maniera fattiva ad un obiettivo comune, ad un progetto, ad un lavoro di equipe ! .

Le MOTIVAZIONI, l’ ESEMPIO, la SITUAZIONE AMBIENTALE …. sono il punto chiave per agire e migliorare i COMPORTAMENTI delle persone, per forzare un profondo e positivo cambiamento del sistema ! e ….. non solo in sanità !

Tutto questo mi ha insegnato quell’ ultima gelida notte di lavoro a Bolzano ! …. Continua ….

© 2013 - 2014 Capitale Roma - Piazza Verbano, 16 - 00166 - P.IVA/CF 9777415058.